Testimonianze

Roberta

Roberta Torreggiani- mamma di Lorenzo

Ciao Susy, con questa condivisione vogliamo ringraziarti per tutto quello che sei riuscita in poco tempo a realizzare con noi. Ci siamo conosciuti da poco, erano i primi di Novembre. Il nostro bimbo, Lorenzo, era ed è ancora incontenibile. Avevamo problemi soprattutto in compagnia, situazioni in cui era una bomba ad orologeria. Appena incontrava qualche amico ci faceva impazzire. Non stava fermo un attimo, non ascoltava e più ci arrabbiavamo, più lui sembrava esaltarsi.

Anche a casa spesso era un capriccio continuo ed una sfida continua. Mi sono rivolta a te grazie al consiglio di un’amica. Non dico di aver risolto tutte le situazioni di difficoltà: il percorso sarà lungo! Ma siamo riusciti a  recuperare con Lorenzo una relazione che non c’era quasi più. Ora con la calma, con l’accoglienza necessaria riusciamo a farlo rientrare….a contenerlo! Il lavoro più grande è stato fatto tra me – mamma- e lui. Ora siamo molto più legati. Ci coccoliamo di più, ci massaggiamo e vicenda…abbiamo recuperato quella quell’affettività che – a causa di tanti fattori-  si era dissolta. Io ero spesso in ansia e lui la avvertiva, per cui era spesso una sfida tra di noi che sfociava o in  capricci o in esplosioni di ‘birichinerie’. Oggi siamo andati noi tre al mare: sembrava di essere con un altro bimbo!!!

I capricci ci sono stati eh!!? Ma siamo riusciti a contenerli grazie alle tecniche imparate. Abbiamo disegnato, corso, riso. Abbiamo mangiato al ristorante senza essere in ansia per come si sarebbe comportato. Lorenzo sembrava un altro….La calma è il segreto! Lui avverte la tensione, la tristezza, la rabbia. Se tu sei calmo con lui, utilizzi un tono di voce tranquillo, gli spieghi perchè non può fare una cosa  invece che dirgli “no e basta”  lui ascolta e torna nei ranghi.

Grazie di tutto e grazie per questa meravigliosa giornata! Grazie per tutti i consigli che ci hai dato! PS: il training ha un grande effetto su di me!

Roberta

Stefania, mamma di Nicola

“Susy, meriti di essere conosciuta da più persone perché sei davvero in gamba e la dedizione e passione che metti nel tuo lavoro è veramente tangibile e contagiosa.

Io, ad esempio, ogni volta che venivi a casa nostra, a fine incontro mi sentivo bene, tu trasmetti positività e la certezza che in “qualche modo” ce la possiamo fare..
E’ difficile sintetizzare il beneficio che hanno portato i nostri incontri:

Nicola affronta meglio le sue paure che, in alcuni casi persistono ma ora è consapevole che “si può avere paura” che “è normale avere paura” ma la si può superare e tu gli hai dato alcune idee preziose che lui mette in pratica
·        Gestisce meglio le proprie emozioni, soprattutto è più equilibrato nei momenti di felicità dove prima, spesso, risultava eccessivo.
·        Per la famiglia sei stata davvero un toccasana. Il tuo intervento ha rafforzato la nostra condivisione e lo stare bene insieme.  Inoltre i giochi che ci hai proposto e che ancora adesso facciamo (es i bigliettini con le attività) creano quell’intimità e quella sana competizione che ti diverte e ti fa sentire bene. Per non parlare delle letture che prima di restituire ho fotocopiato e che proprio ieri sera M. mi ha chiesto di leggere nuovamente. Oppure il foglietto delle domande da farci a fine giornata perché nelle risposte di M., seppur sintetiche, ci sono informazioni importanti che aiutano a comprendere meglio il suo stato d’animo in quel momento.
·        Ha più autostima. Questo ha modificato anche il suo comportamento nei confronti del gruppo… ora si allontana con minore frequenza, anzi, noto che si sforza di trovare il modo per farsi accettare perché “ora vuole” fare parte di quel gruppo.
·        Ha allungato i tempi di attesa anche a scuola.
Grazie di cuore !!!!!!

Maela

Maela – mamma di Mattia

Susy mi collego al laboratorio delle emozioni per confermarti che i risultati che ho ottenuto attraverso questa bella esperienza si sono certamente concretizzati nel rapporto col mio bambino.

Più precisamente, lavorando su me stessa, mettendomi quotidianamente in discussione ed analizzando più a fondo le mie emozioni, spesso di paura accompagnate da tristezza o da rabbia, ho potuto modificare il mio atteggiamento nei suoi confronti. Ad esempio, ora nei momenti in cui sento di provare rabbia per un suo comportamento ostile o anche per una situazione che in quel preciso istante mi urta, non lo rimprovero a prescindere- come succedeva in passato.

Ora prendo un respiro per non reagire istintivamente (e male) e nel frattempo mi interrogo sul perchè quella situazione mi sta facendo sbottare….” Come mai sono arrabbiata con lui?” E’ davvero lui il colpevole di tutta quella rabbia o lui è solo il capro espiatorio? E se fossi io che sto pretendendo troppo da lui e questa è la sua reazione?  Oppure E’ così necessario pretendere una determinata cosa da lui ora? Puoi dargli il tempo di farla dopo? Puoi spiegarla senza urlare? Beh devo dire che questo mio nuovo atteggiamento e questo mio nuovo modo di vedere le cose anche dalla prospettiva di mio figlio, ha dato frutti tangibili. Io sono più calma, il rapporto con lui è disteso e sereno, lui ed io siamo  molto più felici di questa “nuova intesa”.

Ora quando gli faccio le mie osservazioni gliele dico con altri toni perché effettivamente ho capito che con le urla o la sola autorità lo mandavo spesso in confusione, o alzava il muro e anche ciò che magari voleva essere un mio suggerimento, ai suoi occhi appariva sempre e solo come un rimprovero con il risultato che poi non risolvevo nulla e spesso mi sentivo colpevole e frustrata e mi ritrovavo puntualmente a scusarmi con lui per la mia reazione eccessiva. Insomma un gran casino fuori e dentro di me.

Pertanto attraverso ciò che da te ho imparato e che tutt’ora continua a lavorare dentro di me, capisco sempre più quanto è necessario fermarsi davvero ad ascoltarsi e “lasciare andare” ciò che è superfluo e che può, a lungo andare, solo danneggiarci.

Grazie di tutto!

Maela

Monica, mamma di Stefano

Cara Susy sono felice di comunicarti che siamo andati a prendere la rivalutazione di Stefano e non risulta più DSA: è nella media per età e non è più nè discalculico nè disgrafico, ha qualche lieve difficoltà nelle moltiplicazioni veloci a mente e piccole difficoltà nella lettura veloce, dice la psicologa che con un buon metodo di studio sono difficoltà che si colmeranno velocemente. Quindi nel certificato da consegnare alla scuola superiore mettono che il ragazzo non rientra più nei DSA!

Ti ringrazio tantissimo perchè gli esercizi che ci hai fatto fare e che abbiamo continuato a fare fino al giorno prima delle prove dalla logopedista sono contati tantissimo. Grazie perchè sei stata e sei il nostro ‘supporto’ e ci hai fatto vincere questa battaglia!

Nunzia ed Emanuela, maestre di Nicolas presso la Scuola Primaria Fola di Albinea – Reggio Emilia

” Grazie Susy per la collaborazione. Rispetto ai primi giorni di scuola, dopo il lavoro svolto con te, rileviamo uno sforzo maggiore nel bambino di gestire le sue emozioni e non si sono registrati altri episodi di  esplosione di rabbia.. Continua a portare e applicare anche a scuola le attività da te proposte e abbiamo colto l’occasione per parlare con lui dell’esperienza che sta vivendo con te: era molto soddisfatto all’idea che potremo avvalerci anche a scuola di questa opportunità. Sono d’accordo di continuare a muoverci in sinergia con te e la famiglia anche perchè questo è un buon modo per lavorare in coerenza ed ottenere buoni e solidi risultati. Grazie ancora per la disponibilità!”

Michela Ricci, mamma di Marco

” Marco si sta impegnando tanto e noi siamo molto orgogliosi di lui. Grazie per i semini che hai seminato, noi cerchiamo di curarli e farli germogliare e crescere rigogliosi, speriamo in un raccolto abbondante e succulento. Grazie di cuore Susy ti stimo davvero tantissimo, dopo il lavoro che abbiamo fatto questo anno scolastico è una nuova, ottima partenza.”

Giorgia, mamma di Riccardo

“Ho chiesto aiuto a Susy  perchè mio figlio Riccardo continuava ad avere comportamenti oppositivi e aggressivi sia in famiglia che a scuola. Susy ha subito curato la relazione sia con me che con il mio bambino e via via ha affrontato vari aspetti delle dinamiche che viveva mio figlio con metodi che hanno coinvolto Riccardo sempre più facendogli vivere situazioni fantastiche e magiche. In parallelo mi ha aiutato a chiarire alcuni nodi con lui e a gestire le emozioni e la comunicazione emotiva. Ringrazio Susy perché abbiamo recuperato una genuina serenità e perché non conoscevo questo metodo di lavoro ma ce n’è tanto bisogno.”

 

280_0_3847268_116822Giovanna Fidelibus, Mamma di Edoardo.

“Mi chiamo Giovanna e ho un figlio affetto da Autismo infantile. Il suo nome è Edoardo, un ragazzino meraviglioso, oggi di 12 anni, che quando ne aveva 6 ha avuto la grande fortuna  di incontrare nel suo percorso scolastico due insegnanti altrettanto meravigliose. Loro hanno avuto la capacità talmente alta di mettersi in gioco rispetto alle difficoltà di questa sindrome che ne sono uscite vincenti e non solo loro ma in primo luogo Edoardo.

Mio figlio grazie alla tenacia e ai metodi delle sue maestre e al loro credere sempre in positivo rispetto alle sue qualità,  ha tratto vantaggi con il crescere. Susy e Nunzia, le maestre del gruppo classe in cui Edo era inserito, hanno sempre appoggiato qualsiasi forma  di terapia mantenendo quella saggezza e lucidità che, grazie alla loro esperienza, ha permesso di conciliare i linguaggi diversi della rete con la nostra famiglia e con una mamma che allora pensava che nessuno potesse aiutare il proprio figlio! Loro hanno fatto un percorso di cinque anni migliorando la vita non solo di Edo ma anche quella di tutta la famiglia, sempre pronte e disponibili a nuove strategie per far sì che le autonomie e l’interazione sociale di Edo crescesse sempre più. Un entusiasmo che solo in pochi sono riuscita a trovare. Oggi mio figlio grazie al percorso intrapreso con Susy è un ragazzino autonomo che sa stare in modo adeguato con gli altri e che non sta in disparte.
Il lavoro è stato difficile con lui perchè all’epoca Edo era un bambino aggressivo e con pochi stimoli, ma le sue maestre hanno creduto in lui nonostante tutto. Io ringrazio Susy con Nunzia per  come Edo è oggi.”

Zelia e Marco, genitori di Clara

“Abbiamo partecipato ad un laboratorio dove noi genitori abbiamo sperimentato giochi con un linguaggio non verbale con i nostri figli è stato bello, rilassante e divertente!! Grazie Susy”

Tiziana, mamma di Stefano

“Mi è piaciuto molto partecipare al laboratorio, specialmente il gioco in coppia con il mio bambino perchè mi ha fatto sentire bene insieme a lui.”

280_0_3830130_116822Nunzia Giorgini, Insegnante presso Scuola Primaria Ada Negri- I.C. Manzoni Reggio Emilia, Pedagogista e Mediatrice della Famiglia.

“Sensibile ai bisogni di ogni singolo bambino e scrupolosa nell’affrontare qualunque situazione, Susy Bellesia, con sentimento e passione, vive il suo lavoro con quotidiana e rinnovata energia.
Le sue competenze specifiche e la sua esperienza sul campo le hanno permesso di raggiungere una professionalità eccezionale”

Manuela Suini, insegnante presso la scuola dell’infanzia paritaria Parrocchiale di Rolo (RE)

” Come insegnante ho chiesto più volte consulenze a Susy e ho avuto il piacere di collaborare con lei realizzando piani di intervento individuali che hanno aiutato alcuni bambini a superare le loro piccole o grandi difficoltà.
Susy si è sempre dimostrata una collaboratrice attenta, sensibile, pronta ad incoraggiare nei momenti di sconforto, una professionista particolarmente precisa e coscienziosa”

Marina Bigi, Maria Teresa Aldrovandi, Jessica Redighieri:
Insegnanti presso la Scuola dell’Infanzia Statale”Il Girasole” Sez. mista 4/5 anni- Novellara (RE)

“Susy ha svolto presso la nostra scuola un progetto di psicomotricità funzionale durante il quale i bambini hanno dimostrato un grande interesse e coinvolgimento per tutte le attività proposte. Il divertimento mostrato nella loro elaborazione è stato enorme perché hanno potuto canalizzare le proprie energie in una variegata gamma di attività di giochi piacevoli e divertenti. Naturalmente la costante presenza di “Birikello”, personaggio di fantasia che i bambini hanno conosciuto fin dal primo incontro, per mezzo di una letterina, ha contribuito in modo significativo a “legare” le varie attività proposte e impegnato i bambini al rispetto delle regole e a richieste mirate. Hanno potuto sperimentare e mettersi a confronto con le proprie capacità e i propri limiti. La soddisfazione che traspariva dalle loro espressioni era grande quando riuscivano a superare ostacoli e difficoltà. Le attività sono state tante e molteplici ed essendo svolte in collettività  hanno determinato un coinvolgimento emotivo – affettivo, condiviso da tutti i bambini, consolidando così l’affiatamento e la socializzazione tra loro. Grazie alle esperienze corporee i bambini hanno maturato e sviluppato una buona sicurezza motoria ed una giusta percezione del proprio corpo:
1) Sanno descrivere le varie parti del corpo, sia esternamente che internamente. 2) Conoscono a livello superficiale i vari organi e la loro funzione 3) Hanno imparato a distinguere i 5 sensi e a cosa servono 4) Hanno imparato che il corpo va curato e rispettato, seguendo le principali norme igieniche per mantenerlo in buona salute. Ma hanno capito una cosa molto importante: che il corpo, attraverso i gesti, le emozioni gli stati d’animo, rappresenta un importante mezzo di comunicazione.”

P. Iva 02683610352 - albo 3838
Susy Bellesia - Via F. Casartelli 16 - 42122 Reggio Emilia Reggio Emilia
susybellesia@bimbivivi.com